“Il mio più profondo desiderio è che in Africa la voce del cantastorie possa non morire mai.”Nelson Mandela raccoglie in questa magistrale antologia il meglio dell’immaginario fiabesco africano. “C’è la lepre,” osserva Mandela, “una piccola canaglia; il furbo sciacallo, nel ruolo dell’imbroglione; la iena, nella parte del più debole; il leone, in quella di sovrano dispensatore di doni; il serpente, che infonde paura e al contempo è un simbolo di virtù taumaturgiche; ci sono […]

Hai letto questo libro? Lascia un commento. Grazie!